maialino.it

 

Libri Cinema Teatro Gossip Animali Cartoni Musica Gallery Home


Cara Adriana,

ogni giorno è sempre più dura riuscire a mettere in ordine quel gallinaio e quel porcile d'ufficio ma speravo di porcheggiare il Mercedes, percorrere l'ala (o la coscia) est del castello, nostra umile dimora, e trovarti con quella vestaglia azzurra che ti ho regalato il mese scorso e con quel perizoma rosso che più mini non si può.

Pregustavo la notte d'amore e le follie sessuali che avremmo vissuto insieme, premurosamente avevo anche portato una bottiglia di chinotto francese e una vaschetta di fragole marzoline a 1,59 a vaschetta.

Sognavo di allinearle una ad una sulla tua schiena e assaporare lentamente il tuo e il loro sapore, come abbiamo fatto l'altra volta con le fette di anguria e la nutella.

Mentre camminavo, chiudevo per un attimo gli occhi e rievocavo alla mente il buio avvolgente della stanza e la sola lucina rossa delle telecamere accese.

Mi sembrava di sentirti gridare le tue frasi sconce, di vederti bella e insaziabile. Al Diavolo Diego, ero riuscito a farti dimenticare quell' uomo vitale come un termosifone e a farti mia. Credevo.

Ho aperto la porta della nostra stanza della passione e non ti ho trovata. Adriana dove cazzo sei finita ?

 

 

Il letto a forma di cuore con le lenzuola di seta nera e i cuscini a forma di milza era rimasto sgualcito dalla notte precedente, ma ancora il tuo profumo vagava per la stanza, profumo di sesso, quel profumo che solo tu riesci a emanare quando raggiungi orgasmi multipli e continui.

Sul tavolo un solo biglietto " Accendi la tv Stasera ".

Ho allentato il nodo della cravatta, alla radio la nostra canzone, la nostra poltrona e ho acceso il maxi schermo.

Dopo la pubblicità una giornalista ha salutato i telespettatori e ha esordito dicendo "Adriana Lima dichiara di essere ancora vergine e disponibile "

Si ok, gli asini volano, piovono tubetti di colla, Giuliano Ferrara indossa la 42, Al Bano non prende pilloloni di viagra e Iva Zanicchi è una figa della madonna.

Adriana cara, perché hai rinnegato la nostra storia ? Perché questa novità ? Perchè questa bugia ? Perchè perchè.

Se volevi essere ancora sulla bocca di tutti, adesso che Elisabetta Canalis ha preso il tuo posto alla pubblicità Tim,  avresti potuto dire di non voler ricorrere alla chirurgia estetica tra qualche anno. Non ti avrebbe creduto nessuno ugualmente.

Se ti occorreva pubblicità avrei personalmente incaricato uno dei miei collaboratori più fidati di scrivere un pezzo, avrei provveduto a far inserire una tua fotografia osè qui accanto e saresti stata nuovamente sulla cresta dell' onda, come abbiamo fatto con la figlia di Wanna Marchi settimana scorsa.

Ti dico addio Adriana, non riesco più a condividere le mie tenute, le mie fragole e il mio chinotto d'annata con una donna che rinnega tutto l'amore che c'è stato tra di noi. Avrei capito di più un tuo tradimento con Enrico Mentana.

Ti saluto bellissimo amore, sei stata una fiamma ardente, mai con nessuna ho fatto l'amore come con te, mai nessuna mi ha fatto volare così in alto, nessuna donna mi ha dato quello che mi hai dato tu. A proposito, il Rolex che mi hai regalato non te lo ridò.

Ricorderò per sempre le notti con i nostri giochi sensuali, le tue mani su di te e le tue tempeste ormonali senza fine.

E poi i pomeriggi passati al telefono e a tutto il sesso fatto solo con le parole, fantastico quando ti bagnavi le mutandine e godevi solo a sentire la mia voce, non sei una donna sei un miracolo della natura. Complimenti alla mamma.

Ciao tesoro,  tanto lo so che tutte le volte che farai l'amore penserai a me e per me sarà la stessa cosa.

p.s. Non preoccuparti per i filmini che abbiamo girato, non li diffonderei in rete per poche migliaia di euro e scusa per aver messo la foto in alto che ti sei fatta con l'autoscatto e ricorda che ho sempre le tue mutandine appese allo specchietto della macchina al posto dell'arbre magic col profumo di risotto al nero di seppia.

Tua Sonia

Altri Personaggi

Libri Cinema Teatro Gossip Animali Cartoni Musica Gallery HOME