maialino.musica

 

Libri Cinema Teatro Gossip Animali Cartoni Musica Gallery Home

David Bowie

David Bowie
Maialino ai Concerti

Milano 23 Ottobre 2003

Avevo i biglietti da mesi ormai, li tenevo in un cassetto della camera da letto vicino a quelli di Christina Aguilera e Robbie Williams.

A Robbie penserò questa sera, per ora sono ancora concentrata su David Bowie. E’ passata una settimana dal suo concerto al Filaforum di Milano.

Proprio non riesco a perdonargli l’esclusione dalla scaletta di "Life on Mars?" (che però avevo ascoltato nel concerto di Lucca dell’anno scorso) e di "Starman" che era stata richiesta da mio padre e che anch’io, naturalmente, volevo sentire.

Ho passato metà concerto con il telefono in mano per chiamarlo non appena avessi sentito le prime note e quando alla fine del concerto le luci del Forum si sono accese io ero ancora lì con il telefono in mano e con la faccia di una a cui hanno rigato la macchina nuova. (avete presente l’espressione?) Non ha fatto "Starman"! Ma perché? Non ha fatto "Life on Mars?"! Manca "Space Oddity"! Sono andata avanti per un po’ con questa lagna, sempre lì con il telefono in mano…Magari è una finta! Ora spengono di nuovo le luci, lui e la sua band tornano sul palco e fanno "Life on Mars?", "Starman" e "Space Oddity"!

Invece no, il concerto è finito, forse è meglio andare. Dopo circa un’ora di coda sono riuscita ad uscire dal parcheggio del Forum! Se fossi stata una Starwoman…

Ok, così è andata la fine del concerto, ma l’inizio?

Ad aprire la serata ci ha pensato un pezzone mica male: "Rebel Rebel". Io non posso fare altro che urlare perché lui è un figo vero. La camicetta, il gilerino, il jeans stretto, un completino orrendo per un uomo meraviglioso, elegante, sereno, quasi spiritoso.

Il concerto è stato un continuo applauso, raramente mi è capitato di sentirne così tanti: quando lui cantava la gente cantava, quando lui smetteva di cantare la gente applaudiva e non smetteva di applaudire finchè non era di nuovo il momento di cantare… (Che casino! Ma non riusciamo a cantare e applaudire contemporaneamente? No, se ci pensate bene è un casino fare le due cose insieme!)

Avvolto da questo macello di applausi (di gente intorno a me) lo zio David ha alternato pezzi nuovi, tratti da "Reality" (che non sembrano niente male), a brani storici.

Detto tra noi… secondo me erano tutti lì per ascoltare le canzoni vecchie!

Anche David in cuor suo lo sa ed ecco che ti tira fuori "Fame", "China girl", "Ziggy Stardust" e "Ashes to ashes". Non vi dico cosa è successo quando ha cantato "Heroes", il Forum sembrava pieno di tanti bambini felici che saltavano e si dimenavano.

Entusiasmo puro.

David però non è stato l’unico ad esaltare la folla. La sua bassista ha riscosso parecchio successo per la presenza scenica ma soprattutto per la voce pazzesca.

Perfino David, quando hanno duettato in "Under pressure", la guardava sorridente come per dire "Porca vacca che voce! Dove ti ho trovato?" ("Pig Cow what a voice! Where did I find you?").

Bello, bello, bello, bello. Un concertone che non dovevate perdere! David torna!!!!

 p.s. Qualche ultraquarantenne frustrato e schiacciato dai doveri coniugali, con cui ho la sfortuna di lavorare ogni tanto, trova assurdo che ci sia ancora qualcuno che vuole andare ai concerti dei Rolling Stones, di David Bowie e di tutte le altre "cariatidi" che hanno fatto la storia della musica e che, beati loro, hanno ancora voglia di suonare.

Alle persone che la pensano così vorrei dire che continuerò a vedermi i concerti di tutte le "cariatidi" in circolazione, mi dispiace solo per voi, poveri ultraquarantenni invecchiati precocemente, sono sicura che mentre io ero a pochi metri da David a cantare "Heroes" voi eravate a casa seduti sul divano di fianco alla vostra orribile e sfatta moglie. Ah, a proposito: "Cariatidi sarete voi e cariatidini tutti i vostri bambini!"

Simona staff maialino.it


Altri Live