maialino.it

 

Libri Cinema Teatro Gossip Animali Cartoni Musica Gallery Home

Un subdolo nemico…. Immunodeficienza Felina o FIV e la Leucemia Felina o FeLV.

"Il mio gatto ha l'Aids, ho paura di averlo preso anch'io….." Negli ultimi tempi questa è una delle dicerie più gettonate tra i proprietari di gatti. Visto l'ingiustificato timore diffusosi, serve fare un po’ di chiarezza. Con il termine 'Aids dei gatti'  vengono chiamate in causa due patologie virali della specie felina: la Sindrome da Immunodeficienza Felina o FIV e la Leucemia Felina o FeLV.
Queste malattie hanno suscitato molto interesse nei ricercatori per le analogie dei virus che le causano (retrovirus) con il virus dell'HIV umano ma in nessun caso queste sono trasmissibili all'uomo.

E' altresì vero che queste malattie sono estremamente gravi per i nostri amici a quattrozampe. La FIV è trasmessa a soggetti sani soprattutto dal morso di gatti infetti, col contatto saliva-sangue. Quindi contatti occasionali come: pulizie reciproche, condivisioni di lettiere, ecc., non sono sufficienti a propagare il virus.

Il virus ha una fase acuta iniziale, ha un percorso in cui i sintomi sembrano regredire ed una fase finale in cui i sintomi diventano permanenti e letali (dopo 4/5 anni). Non esistono gatti in cui si ha guarigione o immunizzazione (sieropositivi). La FeLV è trasmessa invece da tutti i liquidi biologici (saliva, urine, feci, ecc.) e il virus penetra attraverso le mucose orali, oculari, ecc.; oltrechè con contatto diretto col sangue.

Quindi anche i minimi contatti possono essere significativi. Il gatto non ha sintomi per 2/4 mesi ma in questa fase può trasmettere il virus ed in seguito può guarire spontaneamente e trasmettere immunità alla prole o manifestare la malattia e giungere a morte in 2/3 anni.

I sintomi delle due infezioni sono legati alla mancanza di difese immunitarie (diarree persistenti, dimagrimento, anemie, infezioni respiratorie, gengivali, cutanee): quando sono tutte ad andamento cronico e recidive ai trattamenti devono far sospettare la presenza di uno o entrambi i virus.

La diagnosi definitiva viene fatta ambulatorialmente ricercando nel sangue del gatto gli anticorpi antivirus. Esiste un vaccino che consente di prevenire la FeLV mentre per la FIV non esistono misure profilattiche se non la castrazione che dovrebbe impedire al gatto di partecipare alle frequenti zuffe territoriali. Malattie gravi, quindi, ma legate solo ai nostri amici felini.

Auguriamoci che gli studi sugli stessi possano servire a debellare l'HIV umano.

a cura del veterinario  Dr. Giovanni Gallotti

Libri Cinema Teatro Gossip Animali Cartoni Musica HOME