maialino.it

 

Libri Cinema Teatro Gossip Animali Cartoni Musica Gallery Home

Si, viaggiare

Tempo d'estate, tempo di week end all'aria aperta, di gite, di scampagnate, di vacanze: come non lasciarsi tentare da portare i nostri amici a quattrozampe al nostro seguito? Qualche consiglio in merito non fa certo male.

Innanzitutto, dovendo usare l'auto, è opportuno che questa sia adatta al trasporto di animali, dotata di spazio sufficiente e di opportune sbarre che separino questi da guidatore e passeggeri. Ricordo che idonei mezzi divisori sono previsti dal codice della strada e la loro mancanza, naturalmente in presenza di animali, è sanzionabile con onerose pene pecuniarie.

Gatti, cani di piccola taglia ed altri animaletti possono  viaggiare in apposite   gabbiette o trasportini ma attenzione, assicuratevi sempre che gli sportellini di chiusura siano ben funzionanti: non è simpatico guidare con un felino arrampicato sulla schiena!!

Non bisogna mai trasportare animali in bagagliai chiusi. I cani e, meno frequentemente, i gatti soffrono non di rado di mal d'auto e quindi andrebbero abituati ai viaggi da piccoli e possibilmente in modo graduale, altrimenti anche spostamenti di pochi chilometri possono trasformarsi in vere e proprie odissee.  In ogni caso è opportuno non alimentare i nostri amici prima della partenza e durante il viaggio e portarsi al seguito il necessario per pulizie improvvise...

Per gli insofferenti, gli irrequieti e i canterini esistono in commercio tranquillanti che somministrati secondo le modalità e le dosi consigliate   dal veterinario consentono più o meno a tutti viaggi pacifici. In ogni caso, essendo la sensibilità ai farmaci psicotropi molto soggettiva, consiglio sempre di saggiarne l'efficacia qualche tempo prima.

Se l'intenzione è quella di effettuare lunghi spostamenti è opportuno fare qualche sosta ogni tanto visto che anche i nostri amici hanno necessità fisiologiche e dovendo dargli da bere ogni tanto evitate grosse abbeverate. Ricordate poi di non lasciare mai animali chiusi in auto sotto il sole con i finestrini sbarrati: il colpo di calore è in agguato. Se tornando doveste trovare il vostro peloso amico ansimante, incosciente o in preda a crisi convulsive, non esitate a raggiungere il più vicino veterinario.

Se il viaggio è programmato in aereo, treno o nave è bene informarsi per tempo circa le modalità che ogni compagnia adotta per il trasporto di animali con particolare riguardo alle dimensioni degli stessi dato che solitamente viaggiano alloggiati nelle stive. Viste le stressanti manovre di imbarco e sbarco nonchè il traumatico viaggio consiglio sempre, in questi casi, una sedazione del nostro amico, o meglio ancora di...bè,  lasciarlo a casa.

Sui traghetti evitate di lasciare animali incustoditi sull'auto stivata e dove possibile portateli a seguito sul ponte. Recandosi all'estero è necessario informarsi per tempo circa le modalità di ingresso e di uscita dei vari paesi da visitare ricordando che spesso è obbligatoria la vaccinazione antirabbica nonchè un certificato di buona salute redatto dalla A.S.L. di competenza.

Non bisognerebbe poi tralasciare una rapida indagine su particolari malattie infettive dei luoghi in cui si soggiornerà ed in ogni caso è opportuno partire con un animale correttamente vaccinato per le comuni malattie trasmissibili.

Detto questo auguro a tutti serene e rilassanti vacanze.

a cura del veterinario  Dr. Giovanni Gallotti

Libri Cinema Teatro Gossip Animali Cartoni Musica HOME