maialino.it

 

Libri Cinema Teatro Gossip Animali Cartoni Musica Gallery Home

Pet Therapy

Si assiste quotidianamente, in campo medico, al fiorire di innumerevoli terapie cosiddette alternative che tendono a sostituire o semplicemente affiancare quelle definite tradizionali. Omeopatia, fitoterapia, agopuntura, yoga ecc. proprio per la loro definizione di cure dolci, trovano e contano tantissimi proseliti in ogni campo. Tra queste sta prepotentemente facendosi largo la pet-therapy, ovvero la cura di particolari patologie con l'aiuto degli animali.

Studi ed esperienze su vasta scala hanno oramai inconfutabilmente provato l'efficacia di questa disciplina tanto da diventare oggetto di numerosi convegni internazionali, da cui sono emersi risultati estremamente positivi ed incoraggiamenti tali da indurre a muoversi in questo campo anche la sanità pubblica. La disciplina in oggetto impiega la presenza di un animale come co-terapeuta per aiutare pazienti con disturbi intellettivi, fisici o psichici, riuscendo là dove altre comuni terapie falliscono.

Bisogna specificare subito che non si tratta di cura alternativa alle medicine ufficiali, ma di valido supporto ad esse. Cani, gatti, cavalli , uccellini ecc. vengono impiegati con successo con portatori di handicap, cardiopatici, ansiosi e depressi, con bambini ed anziani affetti da gravi disturbi della personalità ed addirittura in centri di recupero per tossicodipendenti.

E' scientificamente provato che la relazione con un animale stimola in molti soggetti l'attività cognitiva e comunicativa. Gli animali instaurano con l'uomo comunicazioni spontanee di tipo emotivo-affettivo e molte persone con difficoltà cognitive riescono a vivere con essi uno scambio sensazioni che servono poi da trampolino per altre terapie ed altri miglioramenti.

Soprattutto i bambini con problemi di apprendimento sottoposti a pet-therapy, hanno acquisito una maggiore autostima e fiducia in sé stessi, un maggior controllo dell'iperattività, migliorando quindi le proprie capacità espressive. Nei centri di recupero per tossicodipendenti si è verificato, nei soggetti impegnati nell'allevamento di animali, uno sviluppo notevole del senso di responsabilità verso se stessi, gli altri esseri umani e ovviamente verso i propri beniamini.

 Citata così la pet-therapy, sembrerebbe una panacea per curare tutti i problemi comportamentali e psicofisici ma evidentemente non è così. In ogni caso gli specialisti del settore hanno elaborato precisi schemi per utilizzare l'animale giusto al posto giusto.

I cani, impiegati da tempo come compagni di non vedenti e non udenti, sono indicatissimi come coterapeuti di pazienti con patologie croniche e depressive grazie alle loro notevoli capacità di induzione e stimolazione al gioco.
I gatti hanno invece una spiccata capacità di affezionarsi alle persone che dedicano loro molto tempo. Risultano adatti quindi a coloro che devono trascorrere molte ore in casa, come anziani e disabili o a coloro che per motivi di spazio non possono tenere animali più grossi. Le vibrazioni sonore delle fusa e la consistenza del pelo sono spesso graditi ai bambini non vedenti e la vicinanza di un gatto riesce ad attenuare i loro stati d'ansia.

 Il cavallo è universalmente ritenuto il principe nel recupero delle disabilità motorie tanto da essere stabilmente impiegato in alcuni centri di terapia fisica e riabilitazione. Spesso si crea tra paziente e cavallo un rapporto simbiotico e fa nascere nuove motivazioni anche in soggetti particolarmente difficili.
Anche i delfini vengono impiegati con successo in progetti di riabilitazione fisica e psichica proprio per il loro carattere vivace e giocoso. Non di rado riescono a comunicare con soggetti con gravi deficit intellettivi. Purtroppo non si trova un delfinario dietro ogni angolo.
Pesci, criceti, uccellini ed altri piccoli animaletti tendono invece a portare serenità e divertimento nell'ambiente in cui vengono collocati. In centri come gli ospizi rallegrano l'atmosfera e contribuiscono all'instaurarsi delle relazioni interpersonali.

Parlare di pet-therapy non vuol dire comunque affermare che basta regalare un animale a chicchessia per risolvergli problemi legati a gravi mancanze o colpevoli vuoti. Inoltre il tutto andrebbe sempre fatto seguendo le direttive degli esperti del settore . Fortunatamente in Italia gli enti che si occupano del tema stanno aumentando in modo esponenziale.

A mio avviso, comunque, un corretto rapporto uomo-animale, andrebbe insegnato ai bambini già nei primissimi anni della scuola per ricordar loro il naturale legame che ci colloca tra gli esseri viventi della fauna terrestre. Suvvia, non possiamo far credere loro di essere parenti di macchine, televisori o computer. Non dobbiamo permettere che i bambini imparino a conoscere gli animali domestici navigando su Internet o vedendo documentari televisivi tra un cartone animato e l'altro.

Vedendo passare la mucca 'Ercolina' diretta a Bruxelles, cerchiamo di spiegare loro che il latte lo producono gli animali come lei e non una macchinetta a gettoni. .. Addio comunque beata civiltà contadina!!!

A cura del veteriniario Dr. Giovanni Gallotti

Libri Cinema Teatro Gossip Animali Cartoni Musica HOME