maialino.it    
Gossip Animali Cartoni Musica Gallery Home

Le ricerche del maialino    -      La Giraffa

giraffa
La giraffa è un mammifero ruminante appartenente alla famiglia dei Giraffidi.
La sua principale caratteristica è il lungo collo per mezzo del quale può raggiungere le foglie più alte delle piante.

Anche le zampe sono particolari: quelle anteriori sono più lunghe di quelle posteriori,
cosicché il profilo, dalla testa alla coda, tende verso il basso.

Inoltre è dotata di una lingua lunga (45 cm circa) e molto mobile che consente di selezionare i germogli delle acacie di cui è molto ghiotta, evitando le spine.

Per quanto il collo sia lungo, non è tale da compensare l'altezza delle gambe anteriori, per cui la giraffa quando ad esempio, deve bere, è costretta ad assumere una posa caratteristica divaricando gli arti anteriori.

La sua altezza, dalla punta delle corna a quella degli zoccoli anteriori, raggiunge i 5 metri, mentre è di 3 metri al garrese.
La coda ha, all'estremità, un ciuffo di peli neri, la testa è stretta con muso appuntito e lungo.
Hanno corna, da 2 a 5, sono corte corna ossee, rivestite di pelle; il pelo è raso generalmente color giallino chiazzato di marrone.

Dormono in piedi. Nella corsa possono raggiungere i 60 km orari.
Gli zoccoli della giraffa sono delle armi potenti per difendere i piccoli dall'attacco di alcuni
carnivori: il colpo inferto al leone può avere conseguenze mortali.

giraffa
I maschi e le femmine si distinguono per il portamento: il maschio tiene il collo in posizione
verticale e la lingua stesa, così da raggiungere le foglie più mature; mentre la femmina tiene il
collo più retratto nutrendosi delle foglie e degli arbusti più bassi.

Le giraffe possono brucare un'ampia varietà di fogliame, ma prediligono le foglie di acacia.
Se la stagione lo consente, mangiano anche fiori, frutti e semi.

Come la maggior parte degli erbivori mangiano spesso, arrivando a consumare fino a 30 chili di cibo al giorno. In caso di necessità, possono stare senza bere per intere settimane, poiché ricavano i liquidi necessari dall'acqua contenuta nelle foglie che costituiscono la base della loro dieta.
In cattività, le giraffe vengono generalmente nutrite con erba medica, fieno ed erba secca.
Trascorre molto tempo a nutrirsi.

Il maschio raggiunge la maturità sessuale a 42 mesi, anche se per la maturità sociale, che gli
consente di riprodursi, deve attendere almeno l'ottavo anno. Il maschio più forte è in grado di
corteggiare e di accoppiarsi con il maggior numero di femmine.
Si possono accoppiare in tutti i periodi dell'anno, ma preferiscono attendere la fine della stagione delle piogge.

La femmina inizia a riprodursi all'età di 5 anni, anche se la maturità sessuale è raggiunta ad un
anno. La gestazione si prolunga per 15 mesi, e trascorrono quasi due anni tra un parto ed il successivo. Nel corso della sua vita (25-30 anni) può generare sino a 12 piccoli (raramente con parti gemellari).

giraffa
Dopo una gravidanza di 14 mesi partorisce un solo piccolo , che quasi subito è in grado di camminare. Già ad una settimana dalla nascita il profilo delle corna è delineato.

La femmina, quindi si isola per il parto, rimanendo poi appartata con il figlio per una o due settimane; successivamente, madre e neonato, si uniscono a gruppi di piccoli e femmine.

Difende il piccolo, abbiamo detto, con delle potenti zoccolate dalle aggressioni dei predatori: la principale minaccia è il leone, anche se sino ai tre mesi le piccole giraffe possono essere attaccate da iene, da leopardi e licaoni

Alla nascita pesa circa 100 kg ed è alto già un paio di metri, allungandosi di circa 8 cm al mese.
Le femmine, dopo lo svezzamento, continuano a vivere nello stesso territorio materno.
Diversamente i maschi che, verso il terzo-quarto anno, si uniscono ad altri giovani e si
allontanano dall'area natale.

La giraffa è un animale sociale. Vive in piccoli gruppi familiari di 2 o 3 individui o in branchi che possono contare fino a 50 esemplari.
I maschi non sono territoriali e coesistono amichevolmente nella medesima area: questo è permesso grazie al chiaro ruolo gerarchico che ognuno possiede, così da non richiedere interazioni violente.

Raramente tra loro sono violente: può succedere se un maschio nomade cerca di farsi spazio in un gruppo già costituito.

Il miglior senso della giraffa è la vista, anche se l'udito e l'olfatto sono piuttosto acuti. Grazie alla loro eccezionale altezza e alla vista particolarmente acuta, questi erbivori sono in grado di tenere d'occhio i predatori anche a grande distanza.
La giraffa adulta rappresenta in ogni caso una preda pericolosa: ricevere un calcio ben assestato può significare la morte anche per i predatori più aggressivi. Per difendere la loro prole, le madri intervengono sferrando calci con le zampe anteriori o posteriori, mentre i piccoli rimangono al riparo dietro di loro.

giraffa

Sono piuttosto silenziose, ma non mute: i piccoli emettono belati e richiami simili a miagolii, le madri rispondono emettendo un'ampia gamma di suoni e i maschi in calore fanno versi che sembrano colpi di tosse. Se viene infastidita la giraffa grugnisce o sbuffa.
Se avverte un pericolo tende il collo portando la tesa ben in alto.

I piccoli amano molto il gioco e si divertono a correre intorno alle madri o sgambettare con gli altri cuccioli del branco.

La giraffa vive nelle aree boschive della savana a sud del deserto del Sahara

Gossip Animali Cartoni Musica Gallery HOME