Libri Cinema Teatro Gossip Animali Cartoni Musica HOME

Brutto vizio

Tra i numerosi problemi che assillano i possessori di cani, quello della coprofagia del proprio animale non è tra i più simpatici. Devo sinceramente rilevare che il fenomeno è in aumento soprattutto tra i cuccioli e devo purtroppo constatare che per la gran parte dei proprietari la causa del fastidioso fenomeno è da imputarsi ad una carenza di sali minerali  nella dieta.

Suvvia, smettiamo di credere ancora a queste stupidaggini!!! I cani che mangiano le proprie e altrui feci sono stati oggetti di numerosi studi che hanno fornito diverse spiegazioni al fenomeno.

 In genere emissioni fecali che contengono residui poco o per nulla digeriti o che albergano particolari sostanze aromatizzanti già presenti nel cibo, rimangono in qualche modo appetibili e vengono rimangiate in quanto tali.  In questo contesto un ruolo importante lo ricoprono le parassitosi intestinali  che riducendo l'assorbimento proteico ne aumentano la quota  residuale degli escrementi. 

Una seconda causa della coprofagia può essere imputata al  meccanismo della competizione.  Laddove convivono più soggetti, anche cuccioli, la scarsità di cibo può indurre  gli elementi più deboli a "recuperare" il più possibile sostanze edibili innescando un meccanismo psicologico che persisterà per diverso tempo nonostante il mutamento dei fattori ambientali. Rimanendo nel campo psicologico-ambientale si è notato come i più colpiti dal fenomeno coprofagico siano cani stressati, chiusi in spazi ristretti o semplicemente annoiati.

Etologicamente parlando in presenza di due o più cani i soggetti sottomessi tendono a rotolarsi nelle feci di quelli dominanti e molto spesso a cibarsene.  Scendendo in un campo strettamente medico possiamo ritrovare  tra gli animali coprofagici cani colpiti da patologie da deficit enzimatici come l'insufficienza pancreatica  esocrina o da patologie infiammatorie dell'apparato digerente come gastriti croniche. In soggetti colpiti da quest'ultima affezione morbosa possiamo notare il fenomeno detto "pil" per cui ci troviamo di fronte a cani che tendono ad ingerire le più disparate sostanze tra cui spesso terra e sassi.

In talune razze nordiche la coprofagia è associata ad una congenita tendenza alla maldigestione di amidi e solo nella razza beagie ad una carenza di vitamina B1. In fondo a questa carrellata è bene far notare come tendenzialmente moltissimi cani sono pronti a cibarsi delle feci di animali erbivori probabilmente per il gusto aromatico delle stesse.

Questa pur fastidiosa mania non è comunque pericolosa per il cane e praticamente pone solo due problemi sanitari: la comparsa di saltuari problemi gastrointestinali come vomito e diarrea legati soprattutto alle feci di erbivori e la più frequente trasmissione di parassitosi intestinali prevalentemente tra i cuccioli.

Come mettere un freno alla sgradevole questione? Innanzitutto controllare e debellare le parassitosi ed evitare, con la somministrazione di una quantità sufficiente di cibo, la comparsa di meccanismi competitivi e gerarchici tra più soggetti. Naturalmente il cane va posto nelle migliori condizioni di esplicare la sua attività fisica. In ogni caso le feci emesse andrebbero rimosse il prima possibile.  In alcuni casi andrebbe già cambiato il cibo o lo stesso addizionato con sostanze che emesse rendono sgradevoli le feci.

Personalmente ritengo che il primo cibo da eliminare sarebbe quello in scatola. Studi condotti da valenti etologi hanno dimostrato come la coprofagia tendesse a diminuire quando il numero dei pasti giornalieri era elevato e le crocchette sparse per terra probabilmente perché una ingestione minore e più lenta favoriva i meccanismi digestivi. Naturalmente una buona visita veterinaria per escludere la presenza delle malattie sopra citate ed eventualmente porvi rimedio.

Spesso comunque alla base della terapia va posta ed è sufficiente una maggior attenzione per il proprio animale. Laddove tutto ciò non dovesse bastare .... beh, un sonoro scapaccione dato al momento giusto può anche servire allo scopo.

a cura del veterinario  Dr. Giovanni Gallotti

Libri Cinema Teatro Gossip Animali Cartoni Musica HOME