maialino.it

 

Libri Cinema Teatro Gossip Animali Cartoni Musica Gallery Home

Le ricerche del maialino

L'Armadillo

 Gli armadilli sono mammiferi e appartengono all'ordine degli sdentati (maldentati): ciò non significa che siano totalmente privi di denti (come i formichieri), ma che mancano di denti non visibili dall'esterno.
I loro denti, infatti, sono costituiti da molari  molto semplici, privi di radici e di smalto e presenti talora in gran numero (per esempio l'Armadillo gigante ne ha anche un centinaio).
Data l'assenza di incisivi, il cibo viene afferrato dalla lingua cilindrica e vischiosa.

Ma la caratteristica più rilevante di questa famiglia è il rivestimento costituito da placche cornee, tipo corazza,  formanti tre parti distinte: uno scudo cefalico, sulla testa; uno scudo scapolare che protegge la parte anteriore del corpo; uno scudo pelvico che riveste la parte anteriore. Tra lo scudo scapolare e quello pelvico, le placche sono disposte in bande trasversali articolati tra loro e sufficientemente mobili da permettere in qualche caso all'animale di avvolgersi a palla. 
Anche gli arti sono  talvolta  parzialmente ricoperti da scaglie che rivestono anche la coda.

 armadillo

Le zampe sono plantigrade e munite di 4 o 5  robusti  unghioni atti allo scavo, mediante i quali gli armadilli  possono interrarsi molto rapidamente sottraendosi alla vista del nemico; essi scavano anche per prepararsi una tana e le unghie servono pure  per portare allo scoperto vermi, insetti  o altre piccole prede di cui si cibano. Sono spesso vittime di cani, pecore o coyote, contro i quali la loro corazza di scaglie non è una difesa sufficiente. Incapaci di correre cercano di sotterrarsi e se non ci riescono si fingono morti.

Gli armadilli presentano il fenomeno della poliembrionia; la femmina infatti partorisce 4 piccoli  dello stesso sesso e perfettamente simili. Si tratta di 4 gemelli formatisi dalla divisione di uno stesso uovo, e perciò attaccati a un'unica placenta: nascono in febbraio o in marzo.  I piccoli  sono perfettamente sviluppati e vengono allattati dalla madre per alcune settimane: intorno ai sei mesi raggiungono la maturità sessuale.

piccolo armadillo

Sono animali onnivori, anche se si cibano per lo più di insetti e loro larve, vermi e millepiedi.  Pertanto, nonostante i danni che produce con i suoi scavi, lo si può  considerare utile all'agricoltura.

L'armadillo dalle nove fasce misura una settantina di centimetri compresa la lunga coda. Possiede, tra lo scudo scapolare e quello pelvico,  nove cinti mobili. I denti sono una trentina. L'armadillo dalle nove fasce sino ai tempi recenti non si spingeva a nord oltre il Messico; ma alla fine del secolo scorso è penetrato nel Texas e in seguito si è diffuso dagli Stati Uniti meridionali all'Argentina.  Molti altri si trovano in varie parti del del centro e soprattutto del Sud America.

Sebbene viva esclusivamente a terra, non ha paura dell'acqua anche se nuota con difficoltà, dato il suo peso specifico; però in breve tempo riempie d'aria stomaco e intestino aumentando così il proprio potere galleggiante.

Oltre all'armadillo dalle nove fasce esistono altre specie:

l'armadillo  gigante il più grande di tutti, lungo da 70 cm al metro, con coda di mezzo metro e 12-13 cingoli mobili.

l'armadillo dalle grandi orecchie  che si riconosce facilmente per la coda priva di armatura

l'armadillo dalle sei fasce

l'armadillo o Eufratto velloso, la cui corazza è ricoperta da abbondanti peli che crescono negli interstizi tra le scaglie

l'armadillo detto Bolita il cui nome in spagnolo significa pallottola, si riferisce alla capacità di avvolgersi rapidamente a palla, per difendersi dai nemici, introducendo la testa in un apposita fenditura in modo da proteggere tutte le parti del corpo.  
Provvisto di vista e udito mediocri, si serve dell'olfatto  quando va a caccia d'insetti

c'è poi il Pichiciego che  è lungo solo 13 cm circa esclusa la coda piccolissima.   A differenza degli altri armadilli, in questa specie la corazza aderisce al corpo solo lungo la linea vertebrale. Il pichiciego vive in gallerie sotterranee e la sua abilità  di scavatore è stata paragonata a quella della talpa; strumenti di scavo sono gli arti anteriori muniti di forti unghioni. La sua area di diffusione è limitata alle pianure sabbiose dell'Argentina centro occidentale.

Libri Cinema Teatro Gossip Animali Cartoni Musica HOME